Carrello0
Carrello
0

piccoli accessori

Filtro
, , ,
15,00

C’era una volta un enorme prato pieno zeppo di papaveri rossi.

Come tutti gli altri fiori, ogni anno essi creavano dei semi che, accompagnati a manina dal vento, si staccavano dalla mamma papavero andando a posarsi nel terreno.
Il vento, per tenerli al caldo, li copriva con una coperta di terra, e grazie anche all’aiuto della pioggia questi semi con il tempo crescevano, formando delle radici, un gambo e dei dolci petali, fino a diventare grandi quanto i loro genitori papaveri.

Una sera però nacque un seme diverso. Esso infatti non voleva diventare uguale a tutti gli altri, bensì voleva diventare una vera e propria bambina.
Così durante la notte si staccò dalla mamma , cadde per terra ed iniziò ad assorbire l’energia emanata dalla luna piena che c’era quella notte, diventando così una vera e propria bimba, anche se in miniatura.

Da quel giorno la bambina capì che tutto era possibile, e diventò fedele alla sua amica luna, che l’aveva aiutata nel suo sogno. Spesso si stendeva tra i familiari fiori a guardarla, sempre più sbalordita dal potere che essa emanava con una semplice luce delicata.

Ecological Redesigned Accessoriers.
PVC dipinto a mano, con soggetto stampato in digitale.

, , , , ,
9,00

C’era una volta un enorme prato pieno zeppo di papaveri rossi.

Come tutti gli altri fiori, ogni anno essi creavano dei semi che, accompagnati a manina dal vento, si staccavano dalla mamma papavero andando a posarsi nel terreno.
Il vento, per tenerli al caldo, li copriva con una coperta di terra, e grazie anche all’aiuto della pioggia questi semi con il tempo crescevano, formando delle radici, un gambo e dei dolci petali, fino a diventare grandi quanto i loro genitori papaveri.

Una sera però nacque un seme diverso. Esso infatti non voleva diventare uguale a tutti gli altri, bensì voleva diventare una vera e propria bambina.
Così durante la notte si staccò dalla mamma , cadde per terra ed iniziò ad assorbire l’energia emanata dalla luna piena che c’era quella notte, diventando così una vera e propria bimba, anche se in miniatura.

Da quel giorno la bambina capì che tutto era possibile, e diventò fedele alla sua amica luna, che l’aveva aiutata nel suo sogno. Spesso si stendeva tra i familiari fiori a guardarla, sempre più sbalordita dal potere che essa emanava con una semplice luce delicata.

, ,
11,00

Quando si alza il vento dell’Est non c’è tapparella che tenga. Trasporta con sè una Signora con una grande borsa, uno strano ombrello e un mandato di cura. Lei osserva la città dall’alto per scegliere una casa in via dei Ciliegi 17 oppure no, ma che sicuramente ha una stanza dei bambini.

Cosi’ Lei,praticamente perfetta sotto ogni aspetto, trascina tutti nell’avventuroso viaggio della crescita, lo riempie di colori, lo canta, lo balla e ne smussa con un poco di zucchero gli angoli quando sono spigolosi..tutto questo dura un tempo, lo spazio del tempo che serve per imparare a cavalcare il cambiamento. Poi via di nuovo appena gira il vento, ma Lei, Mary prima di ripartire lascia un abbraccio grande, forte, dentro cui rimane vivo il suo mondo.

Visualizzazione di 1-12 di 80 risultati